La Depressione Post-Partum colpisce (anche) lui

La depressione post-partum può colpire anche i padri … anche se spesso loro stessi sono i primi a non parlarne. Su un continuum dal fisiologico baby-blues alla depressione post-partum conclamata, anche i padri possono sperimentare delle difficoltàforte malinconia, senso di inadeguatezza, ansia e paure. Queste fatiche non sono legate agli sbalzi ormonali, come per le madri, ma all’assunzione di una nuova identità di Padre.

Dalla nostra ricerca condotta in Mangiagalli, è emerso che dopo 2 mesi la situazione migliora, per poi peggiorare nuovamente ai 6 mesi di vita del bambino, in particolare se anche la compagna entra in crisi. Questi dati sono in linea con le varie ricerche internazionali che rivelano come la depressione post partum paterna si collochi in un range molto ampio dal 4 al 25%.

Tagliato fuori dalla simbiosi tra la madre e il figlio, perse le attenzioni della compagna, l’uomo sperimenta una forte delusione che il più delle volte non confessa neppure a se stesso. Inoltre, una donna che ha appena partorito chiede al partner di mettere in campo tutte le sue capacità, sia quelle materne, di accudimento, sia quelle di protezione e sostegno, oltre  a necessitare di tutto l’aiuto materiale possibile.

Più che mai serve complicità, mentre il rischio per i neo-papà è quello di mettersi in competizione. D’altro canto, nessuno chiede mai al padre come si sente: tutto si muove attorno alla donna, il neo-papà rimane nell’angolo, mentre anche lui andrebbe coinvolto e riconosciuto nel suo nuovo ruolo.

A questo si aggiunge il mito della felicità a tutti i costi: “hai avuto un bambino? sprizzerai gioia da tutti i pori!”. Invece la paternità, come la maternità, vanno affrontare come un’avventura, un viaggio pieno di sorprese e qualche incognita, di cui bisogna conoscere difficoltà, insidie e ambivalenze, per non farsi trovare impreparati…

Per saperne di più leggi l’intervista alla nostra Dottoressa Maria Caterina Cattaneo su Gioia.

Clicca QUI per l’articolo completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *